Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

I golpisti in Myanmar impongono lo spyware su tutti i telefoni una “condanna a morte per gli attivisti”

Photo by Marjan Grabowski on Unsplash

La mossa potrebbe permettere ai militari di sequestrare i dati storici, mettendo a rischio la vita di giornalisti e attivisti...

Da quando ha preso il potere a febbraio sottraendolo al governo democraticamente eletto, la giunta ha imprigionato i suoi leader e lanciato una violenta repressione delle proteste di massa.

Ora il regime sta portando la sua lotta nella sfera tecnologica, e una società norvegese di telecomunicazioni è pronta a ritirarsi dal paese per le richieste di utilizzare un software che permetterebbe all'esercito di intercettare le comunicazioni private.

La norvegese Telenor ha detto di aver subito "continue pressioni" dalla leadership militare e di essere "profondamente preoccupata per il deterioramento della situazione in Myanmar".

Ha detto in una dichiarazione: "È diventato chiaro per noi che la nostra presenza continua richiederebbe a Telenor Myanmar di attivare apparecchiature di intercettazione che sono soggette a sanzioni norvegesi e dell'UE".

Ha aggiunto: "Per Telenor, rispettare e promuovere i diritti umani è parte integrante ... Abbiamo preso in considerazione il più ampio impatto sui diritti umani [e] crediamo che una vendita sia la soluzione meno dannosa per la società del Myanmar."

'Deplorevole violazione' dei diritti umani

La società d'investimento libanese M1 probabilmente interverrà per riempire il vuoto in un affare da 105 milioni di dollari, provocando una protesta degli attivisti per la democrazia che hanno accusato il gruppo di trarre profitto dai regimi autoritari senza il dovuto riguardo per i diritti umani.

Altri attivisti hanno criticato Telenor per aver lasciato il paese piuttosto che resistere alla giunta.

Yadanar Maung, portavoce del gruppo Justice For Myanmar, che si oppone alla mossa, ha definito la "sconsiderata vendita" una "deplorevole violazione delle responsabilità della società in materia di diritti umani e del suo proprietario, il governo norvegese".

Il trasferimento di dati storici potrebbe facilmente essere sequestrato dai militari, ha detto.

"Esporre questi dati sarà una condanna a morte per attivisti e giornalisti e una violazione di massa della privacy per milioni di persone del Myanmar. Telenor e il governo norvegese devono immediatamente fermare questa vendita irresponsabile".

Il nuovo gruppo M1 si è impegnato a investire 330 milioni di dollari (239 milioni di sterline) in progetti di infrastrutture in Myanmar nei prossimi tre anni.

Ma non ha escluso di aderire alle richieste dei militari di permettere la sorveglianza o di accedere alle registrazioni dei dati delle chiamate di 18 milioni di abbonati quando rileverà il business di Telenor.

Azmi Mikati, amministratore delegato di M1, ha detto a The Telegraph che la società seguirà le leggi sulle telecomunicazioni e gli accordi di licenza sulle intercettazioni legali, ma si conformerà alle regole in modo trasparente e non in segreto.

L'installazione della tecnologia di sorveglianza è diffusa a livello globale, ha detto. "In tutti i paesi in cui operiamo, ci atteniamo alle leggi locali, e fino a quando questa richiesta è legittima, allora la rispetteremo e se questa richiesta è illegale, allora non la rispetteremo", ha detto, aggiungendo che le aziende non hanno scelta.

"Non siamo nel business della politica, non siamo qui per decidere sul tribunale o sul sistema giudiziario o sul sistema politico. Alla fine della giornata, stiamo operando in quel paese e rispetteremo queste leggi e queste istituzioni".

I clienti conoscono il rischio di sorveglianza

I clienti sapevano che c'era il rischio di essere sorvegliati, ha sostenuto, aggiungendo che l'alternativa sarebbe stata quella di chiudere completamente la rete, privando milioni di persone dell'accesso alle infrastrutture vitali delle telecomunicazioni, e lasciando circa 730 dipendenti di Telenor senza un lavoro.

"Fondamentalmente, c'è un obiettivo più grande e più importante, che è il funzionamento di una rete all'avanguardia che fornirebbe effettivamente la crescita economica", ha detto.

È un argomento che solleva campanelli d'allarme tra gli attivisti dei diritti che dicono che il Myanmar è gestito da un regime illegittimo che controlla i tribunali e agisce con impunità.

Mark Farmaner, direttore della Burma Campaign UK, ha invitato Telenor a "resistere e rifiutarsi di attuare" ciò che la giunta sta chiedendo.

"La gente ha veramente paura per la propria sicurezza, e ci sono persone che stanno dicendo che se M1 prende il controllo di Telenor, dovranno lasciare il paese".

I gruppi per i diritti hanno criticato la storia di M1 per la gestione di reti mobili sotto regimi autoritari, tra cui Siria e Sudan, dove la sorveglianza dello Stato è di routine.

Il signor Mikati ha negato qualsiasi atto illecito. M1 ha "sempre salvaguardato i diritti umani" e la sua esperienza di 50 anni di funzionamento in mercati difficili è stata una forza che nel complesso ha lasciato i paesi migliori, ha detto.

L'ingresso di M1 non è un affare fatto e richiede l'approvazione del Dipartimento delle Poste e Telecomunicazioni. Secondo un rapporto di Nikkei Asia, il regime militare è riluttante ad andare avanti. M1 ha rifiutato di commentare le questioni normative in corso.

Il mese scorso, il Punto di contatto nazionale norvegese, un organismo incaricato di monitorare gli obblighi della Norvegia secondo le linee guida dell'OCSE per le imprese multinazionali, ha detto che avrebbe rivisto una denuncia di 474 organizzazioni della società civile in Myanmar, secondo cui il ritiro di Telenor manca di due diligence e trasparenza.

Imparentato

Conservative-Liberal Thinkers

Why Include Snorri Sturluson?

Hannes H. Gissurarson 4 December 2021

NOVA REFERENDUMSKA INICIJATIVA

Može li se izravnom demokracijom protiv ‘stožerokracije’?

Mate Mijić 30.11.2021.

UFM celebrates 50 years

Manuel Ayau: Champion of Freedom

Hannes H. Gissurarson 30 November 2021

Conservative-Liberal Thinkers

Why Include Snorri Sturluson?

Hannes H. Gissurarson 4 December 2021

NOVA REFERENDUMSKA INICIJATIVA

Može li se izravnom demokracijom protiv ‘stožerokracije’?

Mate Mijić 30.11.2021.

UFM celebrates 50 years

Manuel Ayau: Champion of Freedom

Hannes H. Gissurarson 30 November 2021

Conservative-Liberal Thinkers

Why Include Snorri Sturluson?

Hannes H. Gissurarson 4 December 2021

NOVA REFERENDUMSKA INICIJATIVA

Može li se izravnom demokracijom protiv ‘stožerokracije’?

Mate Mijić 30.11.2021.

UFM celebrates 50 years

Manuel Ayau: Champion of Freedom

Hannes H. Gissurarson 30 November 2021

Conservative-Liberal Thinkers

Why Include Snorri Sturluson?

Hannes H. Gissurarson 4 December 2021

NOVA REFERENDUMSKA INICIJATIVA

Može li se izravnom demokracijom protiv ‘stožerokracije’?

Mate Mijić 30.11.2021.

UFM celebrates 50 years

Manuel Ayau: Champion of Freedom

Hannes H. Gissurarson 30 November 2021