Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

I rivenditori tedeschi Hugo Boss, Aldi e Lidl accusati di trarre vantaggio dal lavoro nei campi di lavoro cinesi

Photo by Kuzzat Altay on Unsplash

Cinque rivenditori tedeschi sono stati accusati dal Centro Europeo per i Diritti Costituzionali e Umani (ECCHR) di trarre profitto dal lavoro in condizioni di schiavitù nella regione dello Xinjiang.

L'ECCHR ha presentato una denuncia penale in Germania contro i rivenditori Hugo Boss, Lidl, C&A, Aldi Nord e Aldi Sud, accusandoli di beneficiare del lavoro forzato della popolazione musulmana uigura nella regione dello Xinjiang, nella Cina occidentale, sulla base di informazioni pubblicamente disponibili sulle catene di approvvigionamento delle aziende.

"La denuncia evidenzia il potenziale coinvolgimento sistematico delle aziende europee nel presunto lavoro forzato sponsorizzato dallo stato nella [regione autonoma dello Xinjiang]", ha detto per DW la responsabile del programma Business e diritti umani dell'ECCHR, Miriam Saage-Maas.

"È inaccettabile che i governi europei critichino la Cina sulle violazioni dei diritti umani, mentre le aziende europee possono trarre profitto dallo sfruttamento della popolazione uigura.  È giunto il momento che i responsabili delle aziende siano ritenuti responsabili se i sospetti di lavoro forzato sono confermati".

Saage-Maas ha detto che è probabile che le cinque aziende menzionate siano solo la punta dell'iceberg di un problema molto "più ampio e sistematico, dicendo: "è molto probabile che ci siano molte altre aziende che si riforniscono dalla regione".

Le aziende hanno negato le affermazioni.

In una dichiarazione, l'ECCHR ha detto che "gli esperti di diritto internazionale hanno qualificato il trattamento degli uiguri nella regione come equivalente a crimini contro l'umanità. Eppure, i marchi di abbigliamento e i rivenditori europei si riforniscono o si sono riforniti fino a poco tempo fa da aziende di quella regione, secondo le liste dei fornitori che pubblicano".

È stato stimato dall'intelligence statunitense che fino a tre milioni di uiguri, kazaki, kirghisi e altre minoranze etniche sono stati internati in campi di concentramento nello Xinjiang al massimo. Stime recenti hanno suggerito che circa due milioni sono soggetti ancora costretti a sopportare torture, sterilizzazioni e lavori forzati all'interno dei campi.

Il Partito Comunista Cinese ha negato le accuse di genocidio nello Xinjiang e ha persino tentato di ribattezzare i campi di lavoro forzato come semplici strutture di "facilitazione dell'occupazione".

Nonostante le smentite di Pechino, aziende occidentali come Adidas, H&M, Nike e Uniqlo hanno tutte annunciato che smetteranno di acquistare cotone dalla regione, scatenando boicottaggi a livello nazionale stimolati dal governo cinese.

Si dice che la Germania e in particolare il cancelliere Angela Merkel siano stati la forza trainante dietro gli sforzi falliti per assicurare un massiccio accordo commerciale tra l'Unione Europea e lo stato comunista.

Sotto la leadership della Merkel, la Germania ha visto aumentare la sua dipendenza economica dalla Cina, al punto che la nazione comunista è diventata il primo partner commerciale della Germania nel 2018.

Le principali aziende automobilistiche tedesche Volkswagen e BMW sono state entrambe accusate di trarre profitto dall'uso di lavoro schiavo nella regione dello Xinjiang.

Il gruppo Aldi ha detto che le accuse di lavoro in schiavitù si basano sul loro ex fornitore Turpan Jinpin Knitting, che sostengono abbia smesso di fornire prodotti alla catena di supermercati nel 2019. Lidl ha detto che ha anche smesso di lavorare con alcune altre aziende in seguito alle indagini.

L'azienda di fast-fashion C&A ha negato categoricamente di aver acquistato materiali dallo Xinjiang.

Hugo Boss - che è stato spinto a scusarsi per il suo passato nazista nel 2011 - ha anche negato le accuse, sostenendo che i "valori e gli standard dell'azienda sono stati rispettati nella produzione dei nostri beni e che non ci sono violazioni della legge".

Imparentato

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021

The Symbol of Failure

Sixty Years Ago: The Berlin Wall

Hannes H. Gissurarson 13 August 2021

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021

The Symbol of Failure

Sixty Years Ago: The Berlin Wall

Hannes H. Gissurarson 13 August 2021