Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Il più alto tribunale francese ha stabilito che l’assassino di una donna ebrea non sarà processato.

La più alta corte francese mercoledì ha stabilito che il sospetto assassino della donna ebrea Sarah Halimi non era penalmente responsabile e non poteva essere processato, provocando la rabbia dei gruppi antirazzisti....

La Corte di Cassazione francese ha stabilito che l'uomo che ha ucciso una donna ebrea nel 2017 in una frenesia antisemita non può essere processato perché era in uno stato di delirio mentale acuto causato dal suo consumo di cannabis.Kobili Traoré, che ha ammesso l'omicidio e si trova in un istituto psichiatrico, ha picchiato Sarah Halimi, 65 anni, prima di gettarla dalla finestra del suo appartamento di Parigi al grido di "Allahu akbar", o Dio è grande, e "Ho ucciso la diavolo."

Il signor Traoré, che all'epoca aveva 27 anni, era stato turbato dalla mezuza della signora Halimi, che "ha amplificato la frenetica esplosione di odio", secondo un rapporto psichiatrico.

Il verdetto, giunto più di quattro anni dopo l'omicidio, ha concluso il procedimento giudiziario in Francia per il caso. Il verdetto è arrivato dopo che una sentenza di un tribunale di grado inferiore ha respinto un processo e la famiglia Halimi ha presentato ricorso. Il verdetto della Corte di Cassazione comporta che Traoré non dovrà affrontare alcun processo. Ha confermato le sentenze passate dei tribunali inferiori. 

Traoré, un forte fumatore di marijuana, è stato sotto cure psichiatriche fin dalla morte di Halimi. La Corte ha detto che ha commesso l'omicidio dopo essere caduto in un "attacco delirante" e quindi non era responsabile delle sue azioni.Il suo omicidio ha alimentato il dibattito su una nuova ondata di antisemitismo tra i giovani musulmani radicalizzati nei quartieri prevalentemente di immigrati. Francis Kalifat, presidente del Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche in Francia, ha dichiarato: "D'ora in poi nel nostro paese, possiamo torturare e uccidere gli ebrei nella totale impunità".

Francis Szpiner,  avvocato per i figli della signora Halimi, ha detto che è "preoccupante e ingiusto" che la legge non tenga conto dell '"origine dello stato mentale" dietro il crimine - in questo caso, l'uso di droga del signor Traoré. La Corte non ricontesta i fatti di un caso. Verifica solo che i tribunali inferiori abbiano applicato correttamente la legge.

Nella sua sentenza, la corte ha osservato che secondo la legge francese, "una persona non è penalmente responsabile se soffre, al momento dell'evento, di disturbi psichici o neuropsichici che hanno eliminato ogni discernimento o controllo" sugli atti che essa compie.

La sentenza sull'omicidio di Sarah Halimi potrebbe portare a un cambiamento della legge francese, ma intanto è una brutta notizia per gli ebrei francesi.

Il Presidente francese Macron ha detto che c'era "bisogno di un processo" anche se il giudice ha deciso che non vi era alcuna responsabilità penale. A seguito del verdetto di mercoledì, gli avvocati che rappresentano la famiglia di Halimi hanno dichiarato che intendono deferire il caso alla Corte europea dei diritti dell'uomo.  "È un brutto messaggio per i cittadini ebrei francesi", ha detto l'avvocato del fratello di Halimi, Muriel Ouaknine Melki. 

Ma l'avvocato di Traoré, Patrice Spinosi, ha detto che mentre poteva "ovviamente capire la frustrazione delle vittime per il fatto che non ci sarà un processo", la legge "allo stato attuale" non consente di processare i colpevoli in tali circostanze. Il caso di Sarah Halimi è una ferita emotiva per la comunità ebraica francese, che è rimasta costernata dalla riluttanza iniziale della magistratura a etichettare formalmente il suo omicidio come antisemita. Gli ebrei francesi sono stati ripetutamente presi di mira dai jihadisti negli ultimi anni.

Nel 2012, il sicario islamista Mohamed Merah ha ucciso tre bambini e un insegnante in una scuola ebraica nella città meridionale di Tolosa.

Tre anni dopo, un uomo armato jihadista ha ucciso quattro persone in un supermercato ebreo a Parigi in un attacco che ha coinciso con un raid mortale al settimanale satirico Charlie Hebdo .