Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La Cina a breve potrebbe dominare la tecnologia mondiale, secondo il capo delle cyber-spie del Regno Unito

La preoccupazione è che la dimensione e il peso tecnologico della Cina significhino che ha il potenziale per controllare il sistema operativo globale....

L'Occidente deve agire urgentemente per garantire che la Cina non domini importanti tecnologie emergenti e ottenga il controllo del "sistema operativo globale", ha detto venerdì la principale spia informatica del Regno Unito.

In un discorso insolitamente schietto, Jeremy Fleming, direttore dell'agenzia di spionaggio GCHQ, ha detto che l'Occidente sta affrontando una battaglia per il controllo delle tecnologie come l'intelligenza artificiale, la biologia sintetica e la genetica. "La leadership tecnologica significativa si sta spostando a est", ha detto Fleming all'Imperial College di Londra in una conferenza mondiale sulla sicurezza. "La preoccupazione è che la dimensione e il peso tecnologico della Cina significhino che ha il potenziale per controllare il sistema operativo globale". "In precedenza, io e altri abbiamo sottolineato che in termini di sicurezza nazionale, la Russia sta influenzando il tempo, mentre la Cina sta plasmando il clima. Siamo ora di fronte a un momento di resa dei conti", ha proseguito Fleming.

La GCHQ, che raccoglie le comunicazioni da tutto il mondo per identificare e interrompere le minacce alla Gran Bretagna, ha una stretta relazione con la National Security Agency degli Stati Uniti e con le agenzie di intercettazione di Australia, Canada e Nuova Zelanda riunite in un consorzio chiamato "Five Eyes".

Fleming ha detto anche che se la Gran Bretagna volesse rimanere una potenza cibernetica globale, allora dovrebbe sviluppare tecnologie quantistiche "sovrane", comprese le tecnologie crittografiche, per proteggere le informazioni sensibili e le capacità. Fleming ha detto che l'informatica quantistica, che utilizza i fenomeni della meccanica quantistica per fornire un salto in avanti nel calcolo, si sta avvicinando e pone enormi opportunità ma anche rischi.

L'Occidente dovrebbe andare avanti con lo sviluppo di algoritmi a prova di quantum, ha detto, "così siamo anche preparati per quegli avversari che potrebbero usare un computer quantistico per guardare dietro a cose che attualmente pensiamo siano sicure". Fleming ha detto che la Cina sta "portando tutti gli elementi del potere statale per controllare, influenzare la progettazione e dominare i mercati", mentre cercava di dominare i dibattiti sugli standard globali.

La Cina e alcuni altri stati sono "primi implementatori di molte delle tecnologie emergenti" nell'ambiente digitale. Rispetto all'Occidente, hanno una "visione concorrente per il futuro" del cyberspazio e stanno cercando fortemente di influenzare il dibattito intorno alle regole e agli standard internazionali. Gli Stati che "non condividono i nostri valori costruiscono i loro valori illiberali" nella tecnologia su cui le persone in tutto il mondo potrebbero poi contare.

Il signor Fleming ha continuato: "Le città intelligenti sono un caso esemplare. Forniscono una grande promessa per rendere le aree urbane più efficienti e meno inquinanti attraverso l'uso dei dati. "Dovrebbero aiutarvi a navigare nella vita, non a tracciare i vostri movimenti. Ma se non controllate, o implementate nel modo sbagliato, c'è il rischio di importare una tecnologia che cabla la raccolta dei dati in modi che vanno contro gli interessi e i valori delle società aperte e democratiche".

Il capo dello spionaggio ha sottolineato che l'Occidente affronta un momento di resa dei conti a meno che non prenda azioni profonde per garantire che le tecnologie che definiscono la sua prosperità non siano controllate da concorrenti come la Cina. Ha detto che le valute digitali hanno una promessa significativa di rivoluzionare il settore finanziario, ma rappresentano una potenziale minaccia alle libertà se abusate da stati illiberali, in quanto potrebbero consentire "intrusioni significative nella vita dei cittadini e delle imprese".

La Russia rimane la più grande minaccia immediata per l'Occidente, ma il dominio a lungo termine della tecnologia da parte della Cina comunista pone un problema molto più grande, ha detto.

Imparentato

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021