Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La Cina accusata di aver inventato uno scienziato svizzero per contestare l’origine a Wuhan del Coronavirus

Photo by KOBU Agency on Unsplash

In una versione archiviata di un articolo del China Daily, - il più grande giornale di propaganda in lingua inglese del Partito Comunista - Wilson Edwards è stato indicato come un "biologo in Svizzera"....

La propaganda di stato cinese è stata accusata di aver inventato un biologo svizzero per contestare le origini del coronavirus di Wuhan.

In un post di martedì, l'ambasciata svizzera a Pechino ha accusato la dittatura comunista di diffondere "fake news" citando un biologo svizzero apparentemente inventato per sostenere che le indagini sull'origine del virus sono state motivate politicamente dalla pressione degli Stati Uniti.

"Alla ricerca di Wilson Edwards, presunto biologo [svizzero], citato nella stampa e nei social media in Cina negli ultimi giorni. Se esiste, vorremmo incontrarla! Ma è più probabile che si tratti di una fake news, e invitiamo la stampa cinese e i netizen a togliere i post", ha scritto l'ambasciata sui social media.

In una versione archiviata di un articolo del China Daily, - il più grande giornale di propaganda in lingua inglese del Partito Comunista - Wilson Edwards è stato indicato come un "biologo in Svizzera".

Il giornale statale sosteneva che Edwards aveva scritto sulla sua pagina Facebook: "Come biologo, ho assistito con costernazione negli ultimi mesi a come l'individuazione dell'origine del COVID-19 è stata politicizzata".

"Ha aggiunto che i nuovi piani dell'OMS sono in gran parte motivati politicamente", ha sostenuto China Daily.

L'articolo è stato aggiornato con la rimozione dei presunti commenti di Edwards, ma non è stata emessa alcuna correzione.

Anche il Global Times ha citato il presunto biologo svizzero, attribuendogli commenti che sostenevano che Edwards era preoccupato per l'"indipendenza" dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il biologo apparentemente fittizio ha continuato a sostenere che le indagini sull'origine del virus a Wuhan da parte dell'OMS erano il risultato di "enormi pressioni" e "intimidazioni" da parte degli Stati Uniti.

"Gli Stati Uniti sono così ossessionati dall'attaccare la Cina sulla questione della tracciabilità dell'origine che sono riluttanti ad aprire gli occhi sui dati e sulle scoperte", ha detto la figura indicata come Edwards, citando apparentemente una fonte dell'OMS che ha riferito al presunto biologo.

L'articolo è stato poi cancellato.

Nonostante si stia sviluppando l'idea che il coronavirus possa essere fuoriuscito dal laboratorio dell'Istituto di virologia di Wuhan, il partito comunista cinese ha sostenuto - senza prove - che il virus sia emerso dal laboratorio dell'esercito americano a Fort Detrick, nel Maryland. La Cina ha anche cercato di sostenere - di nuovo senza prove - che il virus Wuhan è emerso in Italia.

Alla ricerca di Wilson Edwards, presunto biologo, citato nella stampa e nei social media in Cina negli ultimi giorni. Se esisti, vorremmo incontrarti! Ma è più probabile che si tratti di una fake news, e invitiamo la stampa cinese e i netizen a togliere i post. pic.twitter.com/U6ku5EGibm

L'ambasciata svizzera in Cina ha dichiarato che: "Negli ultimi giorni, un gran numero di articoli di stampa e post sui social media che citano un presunto biologo svizzero sono stati pubblicati in Cina. Mentre apprezziamo l'attenzione verso il nostro paese, l'ambasciata di Svizzera deve purtroppo informare il pubblico cinese che queste notizie sono false.

"Non esiste alcun registro di un cittadino svizzero con il nome di 'Wilson Edwards'. Non ci sono articoli accademici nel campo della biologia citati con questo nome.

"L'account Facebook citato come quello che ha pubblicato il suo commento è stato aperto solo il 24 luglio 2021 e ha pubblicato solo questo unico post finora. Ha solo 3 amici. È probabile che questo account non sia stato aperto per scopi di social networking.

"Mentre assumiamo che la diffusione di questa storia sia stata fatta in buona fede dai media e dai netizen, chiediamo gentilmente che chiunque abbia pubblicato questa storia la tolga e pubblichi un corrigendum".

Non è la prima volta che i media cinesi sono stati accusati di fabbricare occidentali per dare credito ai loro sforzi di propaganda.

A marzo, il giornale francese Le Monde ha accusato la CGTN (la rete televisiva globale cinese) di aver inventato un falso giornalista francese per contestare le prove e le numerose accuse che la regione dello Xinjiang ha visto un genocidio di massa di uiguri musulmani e altre minoranze etniche e per promuovere le bellezze naturali della regione.

La presunta giornalista, che è stata indicata come Laurene Beaumond, non è stata trovata in nessun registro di giornalisti francesi in un'indagine del giornale.

La Cina ha proclamato con forza che la "giornalista freelance" di nome Laurene Beaumond è, in realtà, una persona reale. Tuttavia, la difesa del ministero degli Esteri cinese non ha sostenuto che la donna fosse una giornalista, come gli articoli sotto il suo nome avevano sostenuto.

Una persona che sostiene di essere Beaumond ha poi detto a Le Figaro che ha scritto con uno pseudonimo per evitare ripercussioni per la propaganda del PCC.

Imparentato

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021