Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La fine di un mondo: i baby boomers hanno distrutto la nostra civiltà?

Patrick Buisson sottolinea la responsabilità della generazione del baby-boomer nella cancellazione dello spirituale....

La fine di un mondo: i baby boomers hanno distrutto la nostra civiltà?In La Fin d'un monde: une histoire de la révolution petite-bourgeoise (Albin Michel), il suo ultimo libro, frutto di una lunga riflessione e documentazione, Patrick Buisson descrive la svolta antropologica avvenuta tra il 1960 e il 1975. Secondo Buisson, questi "quindici anni pietosi" ci hanno portato in un mondo consumistico e decristianizzato. Era davvero meglio prima? Questo reazionario incrocia le spade con Luc Ferry, un liberale e feroce difensore dell'Illuminismo. L'autore di La Pensée 68 relativizza la rottura individuata da Patrick Buisson e difende il primato della generazione del baby-boom che, per lui, ha profondamente migliorato il mondo. La pandemia ha segnato il trionfo del progresso o del panico? I due pensatori hanno visioni opposte del momento singolare che stiamo vivendo.

Perché identifica questo periodo come decisivo? Lo ha spiegato a Le Figarò in una recente intervista.

L'anno cruciale fu il 1965. – spiega Buisson - Il "momento della disgrazia" secondo Pierre Chaunu. 1965 fu il grande crollo della speranza cristiana. La credenza in una vita dopo la morte è crollata. Nell'arco di un decennio, circa 10 milioni di francesi sarebbero caduti nell'abisso della società del nulla. L'Homo religiosus è entrato in una fase terminale. Il 1965 vide anche l'inversione della tendenza demografica del baby boom. Improvvisamente, la volontà di trasmettere la vita si è fermata, senza essere spiegata dal progresso della contraccezione: questo era prima della pillola. Nel 1965, il Concilio Vaticano II si è finalmente concluso. La rivoluzione consumista ha squalificato la vecchia ideologia sacrificale del cristianesimo, la sua cultura della sofferenza redentrice e la rinuncia al godimento dei beni terreni.

Un profondo divorzio sta avvenendo tra l'ethos cristiano e le nuove norme dell'economia. La Chiesa crede che per contenere l'emergere della religione sia necessario muoversi. Invece di rifiutare i due materialismi del consumismo e del socialismo, sceglierà di abbassare la verticalità del sacro per appollaiarsi sul ramo verticale della Croce, quello dell'immanenza umanitaria. Non si tratta più di essere "l'oppio dei popoli"; il paradiso sarà qui e ora. In questo modo, la Chiesa ha corso il rischio considerevole, che all'epoca non misurava, di banalizzarsi diventando un semplice produttore di beni simbolici, in concorrenza con la nuova religione delle cose descritta da Perec. Il risultato sarebbe il crollo della pratica che si concretizzò a partire dal 1965.

La vera grande sostituzione

La vera grande sostituzione che comanda tutte le altre secondo Buisson è la sostituzione degli uomini con i post-umani, quella dell'homo religiosus con l'homo oeconomicus, cioè l'uomo ridotto a ciò che possiede e consuma, l'uomo unidimensionale ridotto alla sua pelle. I guadagni del periodo riguardano solo la tecnica. Le perdite si misurano in qualità umana. Il mercato ha respinto il sacro e tutto ciò che vi era legato: devozione, dovere, gratuità, aiuto reciproco, sacrificio.

Non ci può essere società o comunità senza un sacro condiviso, senza una religione, sia essa trascendente, secolare o politica. Religare significa connettersi. La religione rappresenta i muri portanti. Rimuoveteli e l'edificio crolla. Niente ha sostituito i grandi portatori di senso, il cattolicesimo, il patriottismo e il comunismo. Viviamo isolati e nudi.

La critica di Buisson non riguarda il progresso ma l'uso che se ne fa.

Imparentato

Elections 25 September

Are the Icelanders Heading for ‘Interesting Times’?

Hannes H. Gissurarson 15 September 2021

The Blissful Decade, 1991–2001

The End of History, Not Yet

Hannes H. Gissurarson 10 September 2021

Elections 25 September

Are the Icelanders Heading for ‘Interesting Times’?

Hannes H. Gissurarson 15 September 2021

The Blissful Decade, 1991–2001

The End of History, Not Yet

Hannes H. Gissurarson 10 September 2021