Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La Francia lancia un think tank “anti-woke” per “proteggere i valori francesi

L'avanzata dei candidati conservatori per le prossime elezioni induce il ministro di Macron ad affrontare la questione dell'identità....

La cultura dell'annullamento sta diventando una questione scottante in vista delle elezioni presidenziali francesi

Il "Laboratorio della Repubblica" di Jean-Michel Blanquer si concentra anche sulla difesa della laïcité, la versione francese della laicità, che trascende la razza, il sesso e la religione per sostenere i valori universali della Repubblica.

I detrattori del concetto sostengono che la laicità francese è un paravento per promuovere ideali bianchi e cristiani che sostiene la discriminazione contro le minoranze.

"La Repubblica [francese] è completamente contraria al wokeismo", ha dichiarato recentemente Blanquer a Le Monde.

"Negli Stati Uniti, questa ideologia ha provocato una reazione e ha portato all'ascesa di Donald Trump". Ha aggiunto: "La Francia e la sua gioventù devono sfuggire a questo".

Al lancio del think tank davanti a un gruppo di funzionari eletti e accademici, ha detto che il nuovo istituto va oltre la politica di partito ed è aperto a tutti coloro che vogliono "rafforzare la Repubblica".

"Abbiamo bisogno di una società diversificata dove ci rispettiamo a vicenda e non ci definiamo per quanto siamo vittimizzati o per la nostra presunta identità, ma semplicemente come cittadini. Questa è la bellezza del progetto repubblicano francese", ha detto loro.

Il "wokismo è un veleno senza pari".

A sei mesi dalle elezioni presidenziali, diversi aspiranti candidati, in particolare a destra e all'estrema destra, si sono già scagliati contro il wokeismo come un male "anglosassone" che si infiltra nella società e nell'educazione francese.

Xavier Bertrand, che spera di guidare i repubblicani di destra mainstream, lo ha definito un "veleno senza pari che sta spaccando la società", mentre Eric Zemmour, il saggista ultra conservatore che al momento è in lizza per il secondo turno, dedica intere sezioni del suo nuovo libro, "La Francia non ha detto la sua ultima parola", alla minaccia.

Non passa giorno che nelle nostre università non venga pubblicata una tesi sulla "teoria del genere nel Limousin del XVIII secolo", scrive Zemmour, a volte paragonato a un signor Trump gallico, con pretese intellettuali e letterarie.

Emmanuel Macron, che non ha ancora annunciato la sua intenzione di correre per la rielezione, non ha affrontato personalmente il wokeismo, ma ha inviato i suoi ministri a farlo.

Sarah El Haïry, segretario di stato per la gioventù e l'impegno, che era presente al lancio del think tank, ha detto che l'ideologia woke fa il lavaggio del cervello ai giovani nel pensare "che sono condannati in anticipo attraverso un discorso di vittimizzazione".

L'estrema sinistra l'ha usata per "dividere gli incontri in base al colore della pelle o al sesso", ha detto, mentre l'estrema destra "ha lo stesso identico discorso riguardo all'identità".

La spinta contro il wokeismo ha scatenato polemiche.

"È maccartismo", ha detto a Politico Rim-Sarah Alouane, dell'Università Capitole di Tolosa. "Un ministro sta usando un'entità privata per bloccare le discussioni su questi temi".

Ha suggerito che la squadra di Macron stava cercando di conquistare gli elettori che sono attratti da Eric Zemmour.

Sembra che i politici abbiano il loro lavoro da fare per aumentare la consapevolezza dei pericoli del woke in Francia, dato che secondo un sondaggio dell'Ifop condotto a marzo, solo il 14% dei francesi sapeva cosa significasse questa parola.

Tuttavia, il capo dell'Ifop Frederic Dabi ha detto che, dato che un terzo dei giovani francesi crede che esista un "razzismo di stato" e il 40 per cento pensa che "le disuguaglianze di genere siano sistematiche", essi stavano già "praticando il wokeismo senza saperlo".

Imparentato

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021