Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La Francia mette sotto inchiesta le aziende di moda per “crimini contro l’umanità”.

Image by Dean Moriarty from Pixabay

La procura nazionale antiterrorismo (PNAT) ha accusato Uniqlo France, di proprietà del gruppo giapponese Fast Retailing, Inditex, il proprietario di Zara, l'azienda tessile SMCP e il calzolaio Skechers ...

La procura antiterrorismo francese ha aperto un'inchiesta su quattro aziende di moda per complicità in di "crimini contro l'umanità" per il presunto uso di lavoro forzato nella regione cinese dello Xinjiang.

La procura nazionale antiterrorismo (PNAT) ha accusato Uniqlo France, di proprietà del gruppo giapponese Fast Retailing, Inditex, il proprietario di Zara, l'azienda tessile SMCP e il calzolaio Skechers di trarre profitto dal lavoro schiavo degli uiguri nello Xinjiang. L'indagine è stata avviata in seguito alle denunce dell'associazione anti-corruzione Sherpa, del collettivo Ethics on Etiquette, dell'Istituto Uiguro d'Europa e di un uiguro che è stato internato nella provincia di Xinjiang, ha riferito Sud Ouest.

L'avvocato che rappresenta i querelanti nella causa, William Bourdon ha detto: "Questo è solo l'inizio, questa inchiesta creerà necessariamente un rischio giuridico e una responsabilità supplementare per tutti coloro che, nella più completa impunità, hanno pensato di poter importare in Francia, per arricchirsi, risorse e prodotti a costo di lacrime e sangue".

Le aziende sono accusate di "occultamento del crimine di genocidio e di crimini contro l'umanità". La denuncia si basa su un rapporto del 2020 del think tank Australian Strategic Policy Institute, che sostiene che il Partito comunista cinese (PCC) ha trasferito con la forza oltre 80.000 uiguri in fabbriche in tutta la Cina per lavorare in condizioni di schiavitù per produrre prodotti per marchi stranieri. "Nelle fabbriche lontane da casa, vivono tipicamente in dormitori segregati, si sottopongono a una formazione mandarina e ideologica organizzata al di fuori dell'orario di lavoro, sono soggetti a una sorveglianza costante e gli è proibito partecipare alle osservanze religiose". Numerose fonti, tra cui documenti governativi, dimostrano che ai lavoratori trasferiti vengono assegnati degli assistenti e hanno una libertà di movimento limitata", ha affermato il rapporto.

L'industria della moda è stata a lungo implicata in quello che è stato caratterizzato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e dai parlamenti britannico e canadese come un regime genocida nello Xinjiang. La provincia occidentale della Cina rappresenta circa l'84% della produzione di cotone della nazione comunista e ben un quinto della produzione globale.

Uniqlo ha persino pubblicizzato che i suoi prodotti sono fatti con "cotone dello Xinjiang", sostenendo che in qualche modo è di qualità superiore.Una lettera della Coalition to End Forced Labour in the Uyghur Region nell'ottobre dello scorso anno diceva che "Quasi ogni grande marchio di abbigliamento e rivenditore che vende prodotti di cotone è potenzialmente implicato" nel sistema di lavoro schiavo dello Xinjiang. "In questo momento, c'è la quasi certezza che ogni marchio che si rifornisce di abbigliamento, tessuti, filati o cotone dalla regione uigura sta approfittando delle violazioni dei diritti umani, compreso il lavoro forzato, sia nella regione uigura che più ampiamente in tutta la Cina", ha aggiunto il gruppo.

La regione dello Xinjiang ha visto il Partito Comunista Cinese internare fino a tre milioni di persone in campi di concentramento al suo apice, con stime recenti del governo degli Stati Uniti che collocano la cifra a circa due milioni di uiguri, kazaki e kirghisi, tra gli altri nei campi. In mezzo a una tempesta di proteste a livello internazionale, il partito comunista ha tentato di ribattezzare i campi di lavoro forzato come una semplice "facilitazione dell'occupazione".

Nelle dichiarazioni rilasciate alla BBC, Uniqlo, Inditex e SCMP hanno affermato di condurre regolarmente controlli sulle loro catene di fornitura per garantire che non sia stato usato lavoro forzato nella produzione dei loro prodotti. Sketchers non ha risposto alle richieste di commento dell'emittente britannica.Tuttavia, non è chiaro quanto accurata possa essere qualsiasi verifica delle catene di fornitura nella nazione comunista strettamente controllata dal partito unico.

Il direttore della Cina per Human Rights Watch, Sophie Richardson, ha detto che "la repressione politica nella regione dello Xinjiang è così pervasiva che gli ispettori del lavoro non possono intervistare liberamente i lavoratori senza paura di rappresaglie". Richardson ha aggiunto che gli ispettori sono tenuti ad avvertire in anticipo le fabbriche prima di ispezionarle e non possono costringere le autorità locali cinesi a rivelare le ore di lavoro e i salari che ricevono le persone nei laboratori.

Il direttore del World Uyghur Congress del Regno Unito, Rahima Mahmut, ha appoggiato questa affermazione, dicendo che è "impossibile" per le aziende effettuare controlli "in modo indipendente nella regione a causa del regime". "Abbiamo bisogno di più collaborazione tra i paesi e accogliamo con favore questa mossa della Francia, ma vogliamo che tutta l'Europa svolga tali indagini".

Imparentato

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021