Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La persecuzione dei cristiani dovrebbe essere al centro del dibattito internazionale sui diritti umani

Photo by Myriam Zilles on Unsplash

Secondo l'organizzazione Open Doors USA, 309 milioni di cristiani vivono in paesi dove c'è una grave persecuzione cristiana e 13 cristiani vengono uccisi ogni giorno nel mondo a causa della loro fede....

Anche se il cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo e la gravità delle condizioni di vita dei cristiani oppressi peggiora di anno in anno, è abbastanza raro leggere della persecuzione cristiana nei media tradizionali. Allo stesso modo, nonostante il fatto che uno degli obiettivi più importanti delle Nazioni Unite sia quello di proteggere i diritti umani, l'organizzazione mondiale chiude ripetutamente un occhio sui cristiani perseguitati e non si occupa ancora delle loro sofferenze come priorità. Secondo l'organizzazione Open Doors USA, 309 milioni di cristiani vivono in paesi dove c'è una grave persecuzione cristiana e 13 cristiani vengono uccisi ogni giorno nel mondo a causa della loro fede, il che significa che un cristiano su otto è perseguitato nel mondo.

Molte persone tendono a pensare che la persecuzione cristiana più sanguinosa avvenga ancora in Medio Oriente, mentre negli ultimi anni l'Africa occidentale è diventata la principale area di persecuzione cristiana. Sempre più rapporti affermano che nel 2021 la maggior parte dei cristiani sono stati uccisi in Nigeria solo a causa del loro credo e che è uno dei peggiori paesi per la persecuzione cristiana. Secondo la lista di Open Doors USA World Watch List, il 46% della popolazione della Nigeria è cristiana, il che significa che ci sono più di 95 milioni di cristiani che vivono nel 9° paese peggiore per i cristiani. Quest'anno 3500 cristiani sono stati uccisi in Nigeria, il che significa che il numero di martiri nel paese è già quasi equivalente a quello dell'anno scorso. In una città nigeriana chiamata Jus 40 cristiani tra cui 12 bambini sono stati uccisi da jihadisti Fulani e musulmani locali il 15 e il 25 agosto.

Il 25 agosto i jihadisti non solo hanno sparato a 16 cristiani, ma hanno anche bruciato le loro case con le loro famiglie e i loro bambini.

Quasi due mesi fa 36 cristiani sono stati uccisi dai jihadisti Fulani nello stato di Kaduna senza essere puniti e le autorità hanno solo arrestato i cristiani che cercavano di difendersi. Dopo una serie di questi sanguinosi attacchi, un pastore di Kaduna e uno dei genitori che ha perso sua figlia il 15 agosto, ha detto che l'attuale governo continua a rimanere in silenzio su questi orribili attacchi e sostiene queste uccisioni non facendo nulla per proteggere i cristiani nigeriani. Il governo inoltre non dà la caccia a questi terroristi e non fornisce giustizia a quei cristiani che sono stati arrestati solo perché hanno cercato di difendersi. Anche se la maggior parte degli attacchi anticristiani sono ancora effettuati dal gruppo terroristico Boko Haram il cui scopo principale è quello di imporre la Sharia, la legge islamica su tutti. 

Dato che i media tradizionali e l'ONU sono silenziosi su questi attacchi come il governo nigeriano, è nostro dovere attirare l'attenzione della gente su ciò che sta accadendo ai cristiani perseguitati, così che più persone e organizzazioni possano aiutarli. È sconvolgente vedere quanto sia forte la fede di questi cristiani perseguitati nonostante il pericolo reale in cui vivono ogni singolo giorno della loro vita. Eppure, intraprendono orgogliosamente e coraggiosamente la loro fede. Come cristiano, non posso immaginare quanto queste persone darebbero per avere la stessa libertà che abbiamo noi nelle democrazie occidentali. Quindi, secondo me, è estremamente importante non rimanere in silenzio sui 309 milioni di credenti perseguitati e credo fermamente che aiutarli e condividere le loro storie non sia solo un dovere dei cristiani e dei conservatori, ma di ogni persona che ama la libertà. I leader mondiali, le organizzazioni per i diritti umani, l'ONU e i media principali dovrebbero occuparsi dei cristiani perseguitati e aumentare la consapevolezza della gravità della crescente persecuzione cristiana nel mondo, proprio come fanno con altri "temi caldi" come il riscaldamento globale o le questioni di genere.

Imparentato

Creştinism şi Europenitate

9 Mai – Europa şi / sau Creştinătatea?

Valentin Licxandru 09.05.2021.

Creştinism şi Europenitate

9 Mai – Europa şi / sau Creştinătatea?

Valentin Licxandru 09.05.2021.