Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

La Sacra Bibbia istiga all’odio? Un controverso disegno di legge in Scozia.

RED BILE - Horizontal R - Rachata Sinthopachakul (Shutterstock)

La parola di Dio istiga all’odio? A chiederselo con un certo grado di preoccupazione sono i vescovi scozzesi alle prese con il disegno di legge che criminalizzerebbe la comunicazione di materiale che “rischia” di suscitare l’odio contro un gruppo protetto....

Il disegno di legge sui crimini motivati dall'odio e l'ordine pubblico in Scozia mira a modernizzare, consolidare ed espandere la legislazione in materia.

Il progetto di legge tuttavia introduce un nuovo reato concernente il fomentare l'odio e il possesso di materiale istigatorio. A luglio, i vescovi scozzesi hanno sostenuto che la soglia proposta per questo tipo di reato potrebbe essere considerata "sproporzionatamente bassa". Si teme infatti che questa norma potrebbe facilmente includere l’insegnamento tradizionale cristiano sulla moralità sessuale, il matrimonio e la natura umana.

Hanno anche espresso la preoccupazione che il divieto di possedere materiale istigatorio "potrebbe rendere materiale come la Bibbia, il Catechismo della Chiesa cattolica e altri testi come quelli che la Conferenza episcopale scozzese, presenta alle consultazioni governative, come istigatorio ai sensi della nuova disposizione".

Il direttore dell’Ufficio parlamentare cattolico, Anthony Horan, aveva avvertito che la nuova normativa potrebbe sancire per legge la “cancel culture” che tende a eliminare dal discorso pubblico idee e pensieri che non sono in linea con l’ideologia buonista dominante. Questo, mentre il disegno di legge scozzese, cancellerebbe al contempo il reato di blasfemia.

Da questa legge potrebbe nascere un’offensiva contro il “materiale istigatorio” che potrebbe persino considerare tali i testi come la Bibbia e il Catechismo della Chiesa cattolica, ha spiegato Horan.

“La visione della persona umana – ha aggiunto – da parte della Chiesa cattolica, inclusa la convinzione che il sesso e il genere non siano fluidi e mutevoli, potrebbe potenzialmente cadere in fallo sulla nuova legge”.

Stessa storia in Italia, dove con il DDL Zan-Scalfarotto contro omofobia e transfobia, il rischio che idee non allineate con l’ideologia gender possano diventare causa di persecuzione è la maggiore critica politica che arriva al testo proposto, nonchè la più grande causa di preoccupazione anche per quel mondo cattolico sensibile alla deriva liberticida che stiamo vivendo.

Non è un caso se la Commissione Affari Costituzionali della Camera, pur dando il via libera, abbia posto alcune condizioni, come quella di «chiarire più puntualmente che non costituiscono discriminazione, né istigazione alla discriminazione, la libera espressione e la manifestazione di convincimenti o di opinioni riconducibili al pluralismo delle idee».

Scrivendo nell'edizione del 13 ottobre dell'Herald, un giornale cattolico scozzese, il vescovo Toal ha riconosciuto che : "Il Ministro della Giustizia scozzese ha recentemente confermato che il governo modificherà il disegno di legge sui crimini motivati dall'odio e l'ordine pubblico (Scozia), innalzando la soglia penale dei controversi reati che fomentano i reati da una "probabilità" di fomentare l'odio a una "intenzione" di fomentare l'odio. La soglia bassa è stata pesantemente criticata quando il disegno di legge è stato pubblicato per la prima volta, e la Conferenza episcopale scozzese accoglie con favore la decisione del governo di rimuoverlo. È un passo nella giusta direzione per affrontare le gravi preoccupazioni sulla libertà di parola".

Ma non sono solo idee e principi cristiani ad essere in pericolo. Il rischio maggiore è per la libertà di tutti, perchè quando si legifera su categorie astratte come “odio” o “amore” si intraprende una strada molto pericolosa che porta dritta verso il “reato di opinione”.

Libertà fondamentali, come il diritto alla libertà di parola, la libertà di espressione e la libertà di pensiero, di coscienza e di religione non possono essere sacrificate per un capriccio politico o peggio la volontà dittatoriale di una minoranza.

Imparentato

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

A Great Novel Misinterpreted

Piketty, Balzac, and Capitalism

Hannes H. Gissurarson 24 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

A Great Novel Misinterpreted

Piketty, Balzac, and Capitalism

Hannes H. Gissurarson 24 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

A Great Novel Misinterpreted

Piketty, Balzac, and Capitalism

Hannes H. Gissurarson 24 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021

Piketty misunderstands Balzac

Vautrin’s Lecture

Hannes H. Gissurarson 25 October 2021

A Great Novel Misinterpreted

Piketty, Balzac, and Capitalism

Hannes H. Gissurarson 24 October 2021

Money Does Not Corrupt

Piketty, Balzac, and Money

Hannes H. Gissurarson 23 October 2021