Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Le ragioni del Freedom Act polacco, contro la censura dei social media

Il Freedom Act che il governo polacco si appresta a varare è volto a garantire che i contenuti legittimi postati sui social media non vengano rimossi. ...

Per anni, i conservatori hanno suggerito che la Silicon Valley avesse un forte pregiudizio liberal, e che era coinvolta nella censura online. Si diceva che Big Tech bannasse gli utenti imponendo "divieti ombra" anche conosciuti come shadowban e sopprimesse con grande leggerezza i contenuti cristiano-conservatori e di tutta la galassia politico-culturale di destra. Queste affermazioni sono state spesso respinte e ridicolizzate - e la mancanza di trasparenza di Big Tech, la sua mancanza di mezzi efficaci per permettere agli utenti di contestare le decisioni di moderazione dei contenuti nonchè l' assenza di regole chiare hanno solo aggravato la battaglia tutta in salita dei conservatori contro questo fenomeno.

La Polonia ha sofferto l’oppressione sotto il comunismo sovietico per 45 anni e ha sopportato decenni di censura. Si tratta di una nazione particolarmente sensibile a qualsiasi tentativo di limitare la libertà di parola. Il Freedom Act che il governo polacco si appresta a varare è volto a garantire che i contenuti legittimi postati sui social media non vengano rimossi. Come ha fatto notare il governo di Varsavia, il problema della censura dei social media è molto più sistematico del semplice caso, per quanto monumentale possa essere, della de-platformazione permanente di un presidente degli Stati Uniti. I cittadini comuni in tutto il mondo si trovano i loro contenuti regolati da agenti invisibili che operano dietro un computer anche da molto lontano.

Il Freedom act polacco: garantire e difendere i cittadini dalle manipolazioni delle aziende Big Tech

“In Polonia, abbiamo visto con allarme come un consorzio di aziende Big Tech sempre più potenti e monopolistiche ha fatto ciò che una volta era impensabile: de-platformare un presidente in carica degli Stati Uniti. Per noi, questo esempio - che ha allarmato presidenti e primi ministri in tutta Europa e, in effetti, nel mondo - è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il dibattito su chi e cosa le aziende di social media dovrebbero essere in grado di vietare è ora saldamente nell'ottica pubblica. Per i cittadini della Polonia e di altri paesi che apprezzano la vera responsabilità democratica, abbiamo concluso che questa situazione non può più andare avanti. Come i media di tutto il mondo hanno notato, la Polonia ha proposto una legge che istituisce un "Consiglio per la libertà di parola" per garantire che i cittadini polacchi non siano arbitrariamente manipolati dalle aziende Big Tech”.

Lo ha scritto su Newsweek, Sebastian Kaleta vice ministro della giustizia nel governo polacco.

“Il cuore della nostra proposta – ha continuato - è uno sforzo per garantire ai cittadini polacchi il loro diritto costituzionale alla libertà di parola sulle principali piattaforme internet. Il Freedom of Speech Council che proponiamo deciderà cosa Big Tech può e non può rimuovere dalle sue piattaforme, per evitare che tentino di imporre restrizioni al di là delle leggi che governano e proteggono la parola in Polonia. Lontano da un'iniziativa di parte o di fazione, il Consiglio per la libertà di parola convocherà i membri per un mandato di sei anni dopo che saranno stati nominati da una maggioranza di tre quinti del Parlamento”.

In passato, internet nella sua forma decentralizzata ha fornito uno "Speakers Corner" online, rendendolo una vera forza democratizzante. Il primo internet dava uguale accesso a coloro che desideravano parlare, scambiare, discutere e dibattere i loro punti di vista. Mentre il dibattito politico si spostava gradualmente online, le grandi aziende tecnologiche hanno iniziato ad arrestare la democratizzazione del discorso, privatizzandolo e centralizzandolo. Che ci piaccia o no, queste aziende tecnologiche hanno un monopolio sul fare forum online, o almeno su grandi segmenti di esso.

L'allarme censura dagli U.S.A. al resto del mondo.

La vittoria di Biden negli Stati Uniti può in qualche modo oscurare ciò che i grandi social network hanno ormai fatto. Ma vista dall'estero, la rapida imposizione di un regime di censura da parte di quasi tutte le società di social media - da Twitter, Facebook, Twitch, YouTube, Reddit e Instagram a Snapchat e molti fornitori di infrastrutture internet - ha ora messo il mondo in allarme. Le decisioni di Big Tech rispetto al presidente Trump hanno dato ai governi di tutto il mondo motivo di preoccupazione. Il loro strapotere sta ispirando i leader a garantire i diritti dei loro cittadini di fronte ai giganti della rete. Che queste aziende abbiano agito in modo coordinato o meno è irrilevante. Hanno effettivamente dimostrato che sono davvero un cartello monopolistico che definisce e controlla la libertà di parola online.

L'esclusione arbitraria di voci, e persino di aziende, da internet rende più chiaro che mai che le aziende di social media non sono solo piattaforme, ma editori - e non solo editori, ma guardiani monopolistici per la trasmissione rapida di informazioni al grande pubblico.

Garantire ai cittadini il ricorso contro l'arbitrio di Big Tech è un primo passo nella direzione di orientare internet verso il bene pubblico. I cittadini polacchi - e, si spera, anche i cittadini di altri paesi - saranno presto in grado di comportarsi responsabilmente online senza temere che un censore sconosciuto e invisibile sospenda il loro account nel cuore della notte.