Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

L’Europa frena l’uso dell’Intelligenza Artificiale ad alto rischio come il riconoscimento facciale.

Foto di Tumisu da

Con il regolamento sull'intelligenza artificiale, l'UE sta intensificando un piano costruito negli anni per posizionarsi come il principale legislatore mondiale per la tecnologia a seguito del lancio delle sue regole complete sulla privacy, il GDPR ....

L'Unione Europea ha svelato mercoledì i primi piani al mondo per regolamentare l'intelligenza artificiale, raddoppiando il suo ruolo di governatore globale e sfidando gli alleati - in particolare gli Stati Uniti - a salire a bordo. Le regole proposte , una priorità assoluta per Ursula von der Leyen come capo del braccio esecutivo dell'UE, mirano a frenare gli usi "ad alto rischio" dell'IA come il riconoscimento facciale o il software per elaborare le domande di lavoro che, secondo l'UE, la più grande minaccia potenziale per la società e gli individui.

La proposta europea include il divieto di pratiche che "manipolano le persone attraverso tecniche subliminali al di là della loro coscienza" o sfruttano gruppi vulnerabili come i bambini o le persone con disabilità. Altre pratiche vietate sono il punteggio sociale condotto dal governo, che è un sistema introdotto dalla Cina per misurare l'affidabilità di un individuo. I sistemi di riconoscimento biometrico in tempo reale, come il riconoscimento facciale, saranno vietati ai fini delle forze dell'ordine a meno che non siano necessari per trovare vittime in casi come rapimenti, risposta ad attacchi terroristici o individuazione di criminali. 

Con il regolamento sull'intelligenza artificiale, l'UE sta intensificando un piano costruito negli anni per posizionarsi come il principale legislatore mondiale per la tecnologia a seguito del lancio delle sue regole complete sulla privacy, il GDPR , nel 2018. Questa volta, i giganti della tecnologia dalla Silicon Valley a Shenzhen lo sono dovrebbero avere meno di due anni per allineare la propria attività alle regole dell'IA, che rappresentano anche una sfida per l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.Mentre Washington ha cercato legami più stretti con l'Europa per contrastare le crescenti ambizioni tecnologiche della Cina, finora gli Stati Uniti non hanno seguito l'esempio dell'UE sull'intelligenza artificiale o sulla privacy. Le nuove regole - che ora si faranno strada attraverso il processo legislativo europeo - potrebbero ampliare il divario normativo tra le due parti, anche se Bruxelles spinge per un più stretto coordinamento sulle proprie priorità tecnologiche attraverso un proposto Consiglio per il commercio e la tecnologia.

Allo stesso tempo, le regole proposte distinguono l'UE dalla Cina in fatto di tecnologia. Il fatto che le regole abbiano individuato il punteggio di credito sociale - uno strumento utilizzato principalmente in Cina - è un segnale che Bruxelles vuole evitare l'uso dell'IA per la sorveglianza autoritaria. "Invia un messaggio chiaro alla Cina che il sistema di credito sociale è incompatibile con le democrazie liberali", ha detto Maroussia Lévesque, ricercatrice presso il Berkman Klein Center dell'Università di Harvard.

"Non c'è spazio per la sorveglianza di massa nella nostra società", ha detto il vicepresidente esecutivo della Commissione Margrethe Vestager.

"Affinché l'Europa diventi un leader globale nell'intelligenza artificiale affidabile, dobbiamo dare alle aziende l'accesso alle migliori condizioni per costruire sistemi di intelligenza artificiale avanzati", ha affermato Vestager. Per un argomento così vasto come l'IA, il nuovo regolamento è stato sviluppato in modo molto rapido, solo tre anni da quando la Commissione ha lanciato la sua prima strategia di IA.

Ma quella velocità può arrivare al prezzo di una maggiore opposizione alla stampa in piccolo da parte degli attori della società civile e dei legislatori dell'UE che ora devono analizzare la proposta della Commissione europea. Gli attivisti stanno già esprimendo delusione per una bozza finale della Commissione, molti di loro dicono che è troppo amichevole per l'industria e offre ai governi una posizione troppo ampia per utilizzare l'intelligenza artificiale per la sorveglianza.

Regolamentare la nuova era dell' I.A.

Una delle principali ansie degli Stati Uniti è il ritmo con cui la Cina sta sviluppando le tecnologie di intelligenza artificiale. I politici statunitensi hanno esortato le loro controparti europee a collaborare, sperando di evitare di cedere più spazio ai giganti della tecnologia cinese come Huawei, Tencent e ByteDance, che possiede la popolare app di condivisione video TikTok.

Un recente rapporto della National Security Commission on Artificial Intelligence, presieduto dall'ex CEO di Google Eric Schmidt, ha posto un forte accento sul potenziamento delle capacità di intelligenza artificiale degli Stati Uniti, in particolare nel settore della difesa, per mantenere il proprio vantaggio competitivo. Il rapporto raccomandava anche di rafforzare la collaborazione con gli alleati per accelerare il processo.

Ma con le nuove regole, agli Stati Uniti potrebbe sembrare che l'Europa sembri più preoccupata di proteggere i suoi cittadini che di tenere d'occhio la Cina, con la quale il blocco ha recentemente firmato un accordo di investimento . Schmidt ha espresso scetticismo sul progetto europeo il mese scorso quando ha detto a POLITICO che l'ambizione dell'UE di creare una " terza via " per regolare l'intelligenza artificiale non funzionerà. 

Alla fine dell'anno scorso, von der Leyen ha proposto un "accordo sull'intelligenza artificiale" transatlantico con gli Stati Uniti, e l'Europa desidera segnalare che la sua "terza via" non la lancia contro Washington. L'UE potrebbe benissimo trovarsi un alleato nella Federal Trade Commission degli Stati Uniti, che probabilmente vedrà la critica di Big Tech Lina Khan nominata come uno dei suoi commissari. La FTC ha anche recentemente pubblicato una guida per le aziende che hanno riconosciuto le varie pratiche ingannevoli che sono diventate comuni con l'IA, come la vendita di prodotti che non funzionano o sistemi che non fanno ciò che dichiarano. Elisa Jillson, un avvocato della FTC, ha scritto che le aziende dovrebbero ritenersi responsabili o "essere pronte affinché la FTC lo faccia per te".

Questi sono segni che gli Stati Uniti stanno entrando in una nuova era di regolamentazione, ha affermato Meredith Whittaker dell'AI Now Institute della New York University. "Resta da vedere come usano quel potere, ma almeno in quell'agenzia stiamo assistendo a una svolta verso una posizione molto più offensiva per Big Tech", ha detto Whittaker.

Ciò che fa sperare agli europei che gli Stati Uniti possano stare al passo è che ci stanno arrivando per primi.

Le regole del blocco sulla protezione dei dati sono ora viste come il gold standard, spingendo altri paesi ad adottare regole simili. Alcuni stati degli Stati Uniti, come la California, hanno adottato regole simili, ma il paese è molto lontano da una legge federale sulla privacy. La Commissione europea spera che le aziende statunitensi desiderose di continuare a soddisfare il mercato europeo si adeguino.

L'Europa, tuttavia, dovrà anche convincere le aziende tecnologiche che vale la pena seguire le regole.

Imparentato

Evropská politika

Jak daleko jsme od románu 1984?

26.04.2021.

Da Gagarin a Elon Musk

Gli uomini che presero il girotondo un po’ troppo alla lettera

Giulio Guarino 14.04.2021.

Crimea is Ukraine

Ucraina – între războiul declaraţiilor şi războiul hibrid

Valentin Licxandru 12.04.2021.

Evropská politika

Jak daleko jsme od románu 1984?

26.04.2021.

Da Gagarin a Elon Musk

Gli uomini che presero il girotondo un po’ troppo alla lettera

Giulio Guarino 14.04.2021.

Crimea is Ukraine

Ucraina – între războiul declaraţiilor şi războiul hibrid

Valentin Licxandru 12.04.2021.