Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Il paradosso: la Corea del Nord presiede la Conferenza ONU sul disarmo nucleare.

Le Nazioni Unite hanno affermato che lo stato canaglia, che quest'anno ha effettuato sei lanci di missili, assumerà la presidenza della conferenza per un mese dal 30 maggio....

Si tratta del più importante consesso di negoziato sulla non proliferazione delle armi più devastanti mai esistite e a presiederlo per 6 mesi sarà il regime di Pyongyang. La Conferenza sul disarmo a 65 nazioni  , con sede a Ginevra, è considerata la pietra angolare degli sforzi per il disarmo nucleare. L'organismo sostenuto dalle Nazioni Unite si autodefinisce "l'unico forum multilaterale di negoziazione per il disarmo della comunità internazionale".

Le Nazioni Unite hanno affermato che lo stato canaglia, che quest'anno ha effettuato sei lanci di missili, assumerà la presidenza della conferenza per un mese dal 30 maggio.

È uno dei sei paesi ad assumere il ruolo di quattro settimane in ordine alfabetico, insieme a Cina, Colombia, Cuba, Repubblica Democratica del Congo ed Ecuador.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha convocato la scorsa settimana una riunione del potente politburo del Partito dei lavoratori al potere per discutere "importanti questioni politiche", comprese le contromisure sulla politica "ostile" degli Stati Uniti, ha affermato l'agenzia di stampa ufficiale KCNA ripresa da Reuters. Il politburo ha ordinato una riconsiderazione delle misure di costruzione della fiducia e "esaminando prontamente la questione della ripresa di tutte le attività sospese temporaneamente", mentre chiedeva "il rafforzamento immediato di mezzi fisici più potenti", ha affermato KCNA.

La decisione sembra essere un passo oltre le precedenti osservazioni di Kim alla fine del 2019 secondo cui non sarebbe più vincolato dalla moratoria sui test di testate nucleari e missili balistici intercontinentali a lungo raggio (ICBM), dopo che gli Stati Uniti non hanno risposto alle chiamate per le concessioni per riaprire i negoziati.

L'ostilità e le minacce di Washington avevano "raggiunto una linea di pericolo", afferma il rapporto, citando esercitazioni militari congiunte USA-Corea del Sud, il dispiegamento di armi strategiche statunitensi all'avanguardia nella regione e l'attuazione di sanzioni indipendenti e delle Nazioni Unite.

La Corea del Nord ha intensificato la sua attività di test negli ultimi mesi, inclusi sei round di lanci di armi finora nel 2022, dimostrando la sua potenza militare tra le difficoltà legate alla pandemia e un prolungato congelamento della diplomazia nucleare con gli Stati Uniti.

L'US Indo Pacific Command ha affermato che gli ultimi lanci, pur evidenziando l'impatto destabilizzante del programma di armi della Corea del Nord, non rappresentano una "minaccia immediata per il personale o il territorio degli Stati Uniti, o per i nostri alleati".

Tuttavia le politiche aggressive dei nordcoreani non gli impediranno di presiedere il forum sul disarmo Secondo le regole delle Nazioni Unite , infatti, l'ambasciatore nordcoreano al forum, Han Tae Song, aiuterà a organizzare il lavoro della conferenza e assisterà nella definizione dell'ordine del giorno. Eserciterà tutte le funzioni di presidente e rappresenterà l'organismo nelle sue relazioni con gli Stati, l'Assemblea Generale e altri organi delle Nazioni Unite e con altre organizzazioni internazionali. La cosa ha fatto saltare sulla sedia le ONG.

"Avere il regime nordcoreano di Kim Jong-un presiedere al disarmo globale delle armi nucleari sarà come affidare a uno stupratore seriale il compito di un rifugio per donne", ha affermato Hillel Neuer, direttore esecutivo di UN Watch, un'organizzazione non governativa con sede a Ginevra che monitora le Nazioni Unite.In passato Pyongyang ha difeso i lanci di missili come suo diritto sovrano all'autodifesa e ha accusato Washington di applicare doppi standard sui test sulle armi.

Ma il regime comunista nordcoreano minaccia di attaccare altri Stati membri delle Nazioni Unite con missili e commette atrocità contro il suo stesso popolo. Tortura e fame sono una routine nei campi di prigionia politici della Corea del Nord, dove si stima che 100.000 persone siano detenute in quella che è una delle situazioni di diritti umani più terribili del mondo. “La Corea del Nord – dicono le organizzazioni non governative protagoniste della protesta - è il principale proliferatore di armi al mondo. Il regime costruisce le proprie armi nucleari in violazione degli impegni assunti nel trattato. Pyongyang vende il know-how missilistico e atomico ad altri regimi canaglia in palese violazione delle sanzioni delle Nazioni Unite”.

United Nations Watch ha esortato Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e tutti gli altri stati membri e osservatori a rifiutarsi di inviare ambasciatori a qualsiasi riunione di questo forum delle Nazioni Unite presieduto dalla Corea del Nord. Gli Stati Uniti e il Canada si sono ritirati mentre l'Iran era alla presidenza nel 2013.

L'Unione europea (UE) ha una politica di impegno critico nei confronti della Repubblica popolare democratica di Corea (RPDC). I suoi obiettivi sono sostenere una diminuzione duratura delle tensioni nella penisola coreana e nella regione, sostenere il regime internazionale di non proliferazione e migliorare la situazione dei diritti umani nella RPDC.

 

Imparentato