Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

ONU: l’Iran giustizia le persone a un “tasso allarmante” - 250 nel 2020

L'anno scorso l'Iran è stato il primo boia in Medio Oriente, con più della metà delle 493 esecuzioni nella regione, seguito da Egitto, Iraq e Arabia Saudita...

L'Iran ha giustiziato più di 250 persone, tra cui almeno quattro bambini, nel 2020 e finora quest'anno ha effettuato 230 esecuzioni che includevano nove donne e un bambino che è stato giustiziato in segreto, ha detto lunedì l'investigatore indipendente delle Nazioni Unite sui diritti umani in Iran.

Javaid Rehman ha detto al comitato per i diritti umani dell'Assemblea generale dell'ONU che l'Iran continua ad applicare la pena di morte "a un ritmo allarmante" e ha detto che "l'assenza di statistiche ufficiali e la mancanza di trasparenza intorno alle esecuzioni significa che questa pratica sfugge al controllo con conseguenti gravi abusi che impediscono la responsabilità".

Secondo Amnesty International, l'anno scorso l'Iran è stato il primo boia in Medio Oriente, con più della metà delle 493 esecuzioni nella regione, seguito da Egitto, Iraq e Arabia Saudita. Le cifre annuali di Amnesty escludono la Cina, dove le esecuzioni, che si ritiene siano migliaia, sono classificate come segreto di stato, e omettono le esecuzioni di alcuni paesi segnati da conflitti come la Siria.

Rehman ha detto che il suo ultimo rapporto evidenzia serie preoccupazioni sui motivi che l'Iran usa per imporre la pena di morte, come "vaghe accuse di sicurezza nazionale". L'Iran ha anche "processi giudiziari profondamente imperfetti, dove anche le salvaguardie più elementari sono assenti", ha detto.

"Questi elementi, e il pesante affidamento da parte dei tribunali su confessioni forzate estratte sotto tortura e altre violazioni del processo equo mi portano a concludere che l'imposizione della pena di morte nella Repubblica Islamica dell'Iran costituisce una privazione arbitraria della vita", ha detto Rehman.

Rehman, un professore di origine pakistana di diritti umani e diritto islamico alla Brunel University di Londra, ha definito "imperativo" per l'Iran intraprendere riforme del diritto penale e della giustizia, iniziando "con la massima urgenza" con una moratoria sulla pena di morte per i minori colpevoli.

Ha detto che al di là delle esecuzioni, la situazione generale dei diritti umani in Iran "rimane cupa".

Ha sottolineato la "persistente impunità per gravi violazioni della legge sui diritti umani", comprese quelle commesse da persone in posizioni di potere e "al più alto livello delle cariche pubbliche".

"Le elezioni presidenziali di giugno di quest'anno evidenziano chiaramente questo punto", ha detto Rehman. Non ha elaborato, ma il nuovo presidente iraniano della linea dura, Ebrahim Raisi, ha guidato la magistratura iraniana negli ultimi anni e come procuratore all'inizio della sua carriera Raisi ha servito in un cosiddetto "pannello della morte" decidendo chi avrebbe vissuto o sarebbe stato giustiziato in una purga che gli attivisti dicono abbia portato all'uccisione di circa 5.000 persone nel 1988.

Rehman ha detto che altri fattori che contribuiscono all'impunità includono "il livello allarmante di intimidazione o persecuzione di coloro che chiedono responsabilità", citando l'alto numero di atti di rappresaglia contro le famiglie delle vittime, i difensori dei diritti umani, gli avvocati e i giornalisti che cercano giustizia. C'è stato anche "un aumento degli attacchi contro i gruppi minoritari e i sostenitori dei diritti delle minoranze", ha detto.

"L'uso della forza letale contro i manifestanti pacifici continua ad essere caratteristico dell'approccio delle autorità all'esercizio del diritto di riunione pacifica", ha detto alla commissione.

Rehman ha sottolineato l'uso letale di munizioni vere contro persone disarmate che manifestavano contro la mancanza d'acqua nella provincia occidentale di Khuzestan a luglio, quando almeno nove persone, tra cui un minore, sono state uccise e un gran numero di altri manifestanti sono stati feriti.

Ha detto che l'uso diffuso della tortura contro i detenuti in molti casi equivale a una "privazione arbitraria della vita".

Rehman ha individuato due casi: Amirhossein Hatami, un prigioniero curdo che è morto dopo essere stato picchiato con manganelli alla testa dai funzionari della prigione, e le circostanze poco chiare della morte a settembre di Shahin Naseri, un prigioniero che ha fornito una testimonianza sulle torture subite da Navid Afkari, che è stato giustiziato lo scorso anno dopo aver partecipato alle proteste.

Imparentato

Illicit trade

To fight human rights abuses, we should protect credible brands

Maria Chaplia 18 March 2021

Spano Should Resign

Unresolved Scandal at the ECtHR

Hannes H. Gissurarson 20 February 2021

Illicit trade

To fight human rights abuses, we should protect credible brands

Maria Chaplia 18 March 2021

Spano Should Resign

Unresolved Scandal at the ECtHR

Hannes H. Gissurarson 20 February 2021