Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Ricerca militare e sovvenzioni statali nella fabbrica inglese di microchip rilevata dalla Cina comunista

Lo scandalo arriva nel mezzo di un crescente controllo sui trasferimenti di tecnologia dalla Gran Bretagna a Pechino, con l'MI6 che avrebbe indagato su "alcune delle più prestigiose università del paese" per aver lavorato con i produttori di armi cinesi....

La più grande fabbrica di microchip del Regno Unito, che è stata rilevata da una società sostenuta dalla Cina comunista, ha ricevuto milioni di finanziamenti dal governo britannico, tra cui sovvenzioni per la ricerca militare.

Newport Wafer Fab (NWF), che è stata costretta a vendere la sua fabbrica a Nexperia di proprietà cinese dopo non essere riuscita a soddisfare i suoi obblighi di debito all'inizio di questo mese, è stato riferito di aver ricevuto contratti su larga scala dall'agenzia per l'innovazione del governo britannico, Innovate UK.

Un informatore ha detto alla CNBC che l'azienda di semiconduttori ha ricevuto circa 55 milioni di sterline (75 milioni di dollari) per sviluppare tecnologie di nuova generazione, compresi i contratti di difesa. "Non credo che nessuno si sia reso conto che c'erano un paio di progetti legati alla difesa", ha detto la fonte all'emittente.

Uno dei contratti sarebbe stato un progetto congiunto da 5,4 milioni di sterline con l'Università di Cardiff per sviluppare sistemi radar per jet da combattimento.

Il presidente del comitato ristretto degli affari esteri, il deputato Tory Tom Tugendhat, ha detto: "La Gran Bretagna ha pagato la ricerca che rende Newport Wafer Fab un partner chiave in un progetto di difesa del governo britannico. Ecco perché abbiamo bisogno di una revisione completa della decisione per motivi di sicurezza nazionale, tra cui chiedere perché l'accordo è stato inizialmente sventolato".

Il signor Tugendhat ha aggiunto: "I governi del Regno Unito e del Galles hanno speso decine di milioni di sterline per sostenere l'innovazione dei semiconduttori composti in Galles - con la NWF al centro.

"Mentre c'è una carenza globale, e Pechino ha la speranza di dominare il mercato, dobbiamo essere molto più chiari sui nostri interessi, non solo sui profitti delle aziende o sulle opportunità dei rivali".

Nel 2019, la Nexperia, con sede in Olanda ma di proprietà cinese, ha stipulato un contratto con Newport Wafer Fab per sostenere l'azienda in cambio del fatto che la microchip britannica metta la sua fabbrica come garanzia.

Secondo quanto riferito, la NWF ha tentato di raccogliere i fondi necessari per rimanere libera dal controllo cinese all'inizio di quest'anno. Tuttavia, non sono stati in grado di soddisfare i termini del contratto e quindi hanno dovuto cedere il controllo della loro struttura in Galles.

Secondo i termini del contratto, Nexperia, che già deteneva una certa quota dell'azienda, ha dovuto pagare solo 63 milioni di sterline per rilevare la fabbrica.

Un analista della società di ricerca Forrester, Glenn O'Donnell, ha detto che il prezzo di una tale fabbrica è "minuscolo", dicendo: "La maggior parte delle fabbriche di wafer costano ben oltre 1 miliardo di sterline. Anche se si tratta di tecnologia più vecchia, questo accordo è ridicolmente economico".

A seguito di una diffusa reazione e delle preoccupazioni espresse sulla Cina comunista che prende il controllo di quella che molti considerano una fabbrica di tecnologia critica, il primo ministro Boris Johnson ha ordinato una revisione della vendita in base alle leggi sulla sicurezza nazionale.

"Dobbiamo giudicare se la roba che stanno facendo è di reale valore di proprietà intellettuale e interesse per la Cina, se ci sono reali implicazioni di sicurezza", ha detto Johnson.

Eppure, giovedì, il sottosegretario di Stato per la scienza, la ricerca e l'innovazione Amanda Solloway ha detto che il governo non ha attualmente in programma di intervenire per bloccare la vendita in quanto non si ritiene che sia di interesse per la sicurezza nazionale.

"È giusto che le transazioni commerciali siano principalmente una questione per le parti coinvolte. Il governo è stato in stretto contatto con Newport Wafer Fab ma non ritiene opportuno intervenire in questo caso al momento attuale", ha detto Solloway.

Mentre la revisione non è stata ancora conclusa, una bandiera Nexperia è già stata issata sopra l'ingresso della fabbrica.

L'ex leader del partito conservatore, Sir Iain Duncan Smith, ha detto che il governo è in un "pasticcio diabolico" per quanto riguarda l'acquisizione cinese.

"Mi chiedo, nel corso di questa incapacità di prendere una decisione, hanno guardato cosa pensa la Cina dei semiconduttori? Ha chiesto Sir Iain.

"La Cina è l'esportatore più attivo del mondo ed è impegnata a comprare tecnologia dei semiconduttori ovunque possa trovarla", ha notato.

Lo scandalo arriva nel mezzo di un crescente controllo sui trasferimenti di tecnologia dalla Gran Bretagna a Pechino, con l'MI6 che avrebbe indagato su "alcune delle più prestigiose università del paese" per aver lavorato con i produttori di armi cinesi.

Circa 200 accademici britannici sono anche presumibilmente sotto inchiesta da parte dei servizi di sicurezza per aver assistito la nazione comunista nello sviluppo di tecnologia militare, tra cui armi cibernetiche, progetti di missili e tecnologia aerea.

Imparentato

¿Un nuevo orden global?

Afganistán, China y el Orden Liberal Internacional

Andrés Pou, Fundación Civismo 21.09.2021.

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

¿Un nuevo orden global?

Afganistán, China y el Orden Liberal Internacional

Andrés Pou, Fundación Civismo 21.09.2021.

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021