Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Spie comuniste dalla Cina continentale si confondono con i rifugiati di Hong Kong per infiltrarsi nel Regno Unito.

Ad oggi, circa 30.000 abitanti di Hong Kong hanno fatto domanda per il programma per sfuggire alla feroce repressione del regime di Pechino, ma fonti del governo britannico hanno riferito al Times che "agenti dormienti" cinesi sono infiltrati....

In seguito all'imposizione da parte del Partito Comunista Cinese di una legge draconiana sulla sicurezza nazionale sull'ex colonia britannica di Hong Kong, il governo britannico ha aperto un percorso alla cittadinanza per i titolari di nazionalità britannica (Overseas) in città.

Ad oggi, circa 30.000 abitanti di Hong Kong hanno fatto domanda per il programma per sfuggire alla feroce repressione del regime autoritario di Pechino, ma fonti del governo britannico hanno riferito al Times che "agenti dormienti" cinesi si sono infiltrati nel sistema dei rifugiati.

Rispondendo al rapporto, il fondatore e presidente di Hong Kong Watch, Benedict Rogers, ha dichiarato: “Questo è un oltraggioso abuso del programma di visti incredibilmente generoso del Regno Unito per gli abitanti di Hong Kong.

"Il governo britannico deve rafforzare le sue procedure di controllo della sicurezza, in un modo che non ostacoli i veri abitanti di Hong Kong che desiderano adottare il regime, ma protegga la sicurezza nazionale del Regno Unito e la sicurezza degli abitanti di Hong Kong che fuggono qui".

L'ultimo governatore britannico di Hong Kong, Lord Chris Patten di Barnes, ha dichiarato, secondo The Times : “Abbiamo a che fare con uno stato totalitario che utilizza informatori. Se qualcuno teme che il Partito Comunista Cinese (PCC) cercherà di collocare informatori e persone che ruberanno segreti di sicurezza nelle società aperte, allora è del tutto giustificato. Dovremmo essere realisti su questo.”

"Ci sono rigorosi controlli in atto per le domande di visto - e sono in atto per un motivo", hanno detto fonti governative al Times , aggiungendo: "Il processo di controllo per lo schema dei visti BNO è molto più approfondito di qualsiasi altro".

La legge sulla sicurezza nazionale è stata  approvata  nel maggio dello scorso anno con il pretesto di prevenire il terrorismo. Tuttavia, è stato ampiamente considerato come un giro di vite sulle libertà promesse alla città nella  Dichiarazione congiunta sino-britannica .

Il trattato vincolante a livello internazionale garantiva una certa libertà e autonomia alla città per 50 anni, all'insegna di “Un Paese, Due Sistemi”, dopo la consegna dell'ex colonia britannica ai comunisti nel 1997.

Lord Patten ha dichiarato: “Penso che ciò che è accaduto a Hong Kong sia la deliberata e consapevole violazione di un trattato da parte del governo cinese. Ora stanno per distruggere il modo di vivere di un popolo e lo stato di diritto, e le persone che credono nella libertà di parola e nello stato di diritto se ne stanno andando e sono lieto che il governo gli permetta di rimanere”.

La legge afferma anche di avere giurisdizione universale, il che significa che il governo cinese ritiene che potrebbe essere utilizzata per estradare dissidenti politici in tutto il mondo.

Un'infiltrazione di spie cinesi è stata una delle principali preoccupazioni per gli Hong Konger che hanno cercato rifugio in Gran Bretagna, con l'ex dipendente del consolato del Regno Unito a Hong Kong Simon Cheng – che è stato torturato nella Cina continentale nel 2019 – che afferma di essere seguito da agenti comunisti a Londra.

L'attivista per i diritti civili Jabez Lam, che ha assistito i rifugiati di Hong Kong al loro arrivo nel Regno Unito, ha affermato che ci sono preoccupazioni tra coloro in fuga che i cinesi in Gran Bretagna li denunceranno a Pechino.

"Per gli individui che arrivano da Hong Kong, non sanno quale organizzazione è pro-Partito comunista cinese o quale organizzazione è neutrale", ha detto Lam.

“Quando sono entrato in contatto con loro per la prima volta, la maggior parte di loro è molto diffidente e ci vuole molto tempo per ottenere la loro fiducia. Penso che la maggior parte di loro abbia un disturbo da stress post-traumatico dovuto alle esperienze di oppressione, persecuzione e repressione a Hong Kong. C'è anche la paura della sicurezza della loro famiglia anche quando sono qui”.

Lam ha continuato avvertendo che il governo dovrebbe essere cauto nel consentire ai membri della polizia di Hong Kong di entrare nel programma di reinsediamento poiché "hanno preso parte all'oppressione e alla repressione delle persone".

Un portavoce del Ministero degli Interni ha dichiarato: “Ci sono garanzie in atto durante tutto il processo di richiesta per garantire che sia esente da abusi e aiuti i più bisognosi. La rotta del visto BNO riflette l'impegno storico e morale del Regno Unito nei confronti del popolo di Hong Kong”.

Imparentato

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021

The Terrorist Attack in 2001

Life Goes On, Twenty Years Later

Hannes H. Gissurarson 11 September 2021

New Wolf-Warrior Diplomacy

Has China Started a Cold War?

Hannes H. Gissurarson 18 August 2021