Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

UK: Statue di Nelson, Drake e Thomas Guy minacciate dalla guerra al patrimonio storico ispirata da BLM

Le statue dell'ammiraglio Lord Nelson, di Sir Francis Drake e di Thomas Guy sono minacciate nella Londra di Sadiq Khan, mentre gli accademici e i burocrati “ri-svegliati” continuano la guerra ispirata dal BLM al patrimonio culturale britannico.

Horatio Nelson, l'eroe con un occhio solo e un braccio solo della Battaglia del Nilo, della Battaglia di Trafalgar e di altri scontri britannici con la Francia rivoluzionaria e napoleonica, morto nel momento della sua più grande vittoria quando un cecchino francese gli sparò nella spina dorsale, avrà un monumento "preoccupante" alla sua memoria che adorna il Deptord Town Hall rivisto dalla Goldsmiths University.

Sir Francis Drake, che circumnavigò il globo, rivendicò la California per l'Inghilterra come Nova Albion, e mandò la leggendaria Armada spagnola allo sbando prima della sua prevista invasione delle isole britanniche nella battaglia di Gravelines, è stato anche preso di mira, secondo un rapporto del Telegraph.

Drake, nato intorno al 1540 d.C., sembra essere stato preso di mira a causa del suo coinvolgimento in alcuni viaggi di schiavi prima di diventare uno stimato esploratore e flagello dell'impero spagnolo.

Nelson, nel frattempo, sta avendo la sua eredità sottoposta a una revisione molto postuma da parte del National Maritime Museum con vaghe accuse di "aspetti della schiavitù relativi alla Royal Navy", anche se i Goldsmiths potrebbero avere in mente una lettera che avrebbe scritto in difesa delle piantagioni caraibiche come suo presunto crimine - anche se questo è considerato da molti come un falso.

"Il municipio di Deptford è un punto di riferimento locale, quindi è giusto che chiediamo alla gente del posto cosa pensano delle statue", ha affermato il direttore di Goldsmiths, il professor Frances Corner, aggiungendo che i monumenti sono un'incarnazione di ciò che ha descritto come la "complessa eredità del patrimonio marittimo della zona".

"Vogliamo che coloro che vivono nella zona si impegnino apertamente e onestamente con gli aspetti preoccupanti della storia che queste statue rappresentano e ci dicano come vogliono che questi problemi siano affrontati", ha insistito Corner nei commenti citati da The Telegraph.

"Queste statue sono state scolpite nel 1905 per riflettere i desideri della comunità locale di allora ed è vitale che, poco più di un secolo dopo, qualsiasi decisione sul loro futuro rifletta i desideri della nostra comunità locale ora".

A tal fine, l'università londinese sta sollecitando quasi 9.000 famiglie a dare il loro parere sui monumenti presumibilmente controversi.

Nel frattempo, il filantropo e parlamentare Thomas Guy sta per avere la sua statua fuori dal Guy's Hospital - che ha fondato - spostata in una posizione meno prominente e macchiata con una targa che evidenzia i legami con la schiavitù.

Le ruote per questa mossa hanno iniziato a girare molti mesi fa, quando gli attivisti di Black Lives Matter e i loro alleati nel mondo accademico e nel settore della cultura hanno iniziato a prendere sistematicamente di mira le statue britanniche, e arriva nonostante il fatto che una consultazione online ha visto il 75 per cento degli intervistati contro l'interferenza con il memoriale di Guy, secondo il MailOnline.

Guy, un apprendista libraio e figlio di un falegname fatto bene, ha finanziato molti ospizi e reparti ospedalieri, con il Guy's Hospital che è una specie di firma della creazione fondata per curare "i più poveri e malati dei poveri".

La connessione di Guy con il commercio di schiavi è abbastanza indiretta, derivante dal fatto che possedeva debiti che furono convertiti in azioni nella South Sea Company come parte di uno scambio, e la Compagnia costruì una parte del suo capitale attraverso il commercio di schiavi, che all'epoca era considerato attività commerciale legittima sia nelle società europee che in quelle africane, e in effetti in gran parte del mondo.

Imparentato

Elections 25 September

Are the Icelanders Heading for ‘Interesting Times’?

Hannes H. Gissurarson 15 September 2021

The Blissful Decade, 1991–2001

The End of History, Not Yet

Hannes H. Gissurarson 10 September 2021

Elections 25 September

Are the Icelanders Heading for ‘Interesting Times’?

Hannes H. Gissurarson 15 September 2021

The Blissful Decade, 1991–2001

The End of History, Not Yet

Hannes H. Gissurarson 10 September 2021