Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Una soluzione europea al fallimento UE sui vaccini.

Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay

Il fallimento della burocrazia UE, commissaria von der Leyen in testa, in tema di vaccini è sotto gli occhi di tutti. La strategia accentratrice della commissione non ha funzionato, anzi è clamorosamente naufragata....

Il fallimento della burocrazia UE, commissaria von der Leyen in testa, in tema di vaccini è sotto gli occhi di tutti. Già qualche settimana fa, l’ex ministra della difesa tedesca spiegava che “è certo che oggi non siamo dove vorremmo essere nella lotta contro il virus”. La strategia accentratrice della commissione non ha funzionato, anzi è clamorosamente naufragata nel tentativo di trattare in blocco l’approvvigionamento per tutti e 27 gli stati membri, ricavandone solo contratti capestro con le case produttrici del medicinale o peggio, come nel caso di Astrazeneca, accordi sotto dimensionati rispetto al reale fabbisogno dell’Unione.

A questo proposito è intervenuta il presidente di Fratelli d’Italia e di ECR party Giorgia Meloni, dopo l’intervista del ministro Matt Hancock rilasciata al Financial Times in cui ha affermato - “sulle forniture di vaccini la legge sta dalla parte del Regno Unito che ha un contratto di esclusiva con AstraZeneca, laddove Bruxelles ha solo un contratto basato sui migliori sforzi”

“Le parole del ministro della Salute britannico Matt Hancock certificano il disastro politico e sanitario della Ue sui vaccini: le Istituzioni europee hanno sottoscritto con le case farmaceutiche contratti capestro, che non riescono a far rispettare e che non assicurano agli Stati le dosi concordate e pagate. È arrivato il momento di fare chiarezza e pretendere che qualcuno si assuma le proprie responsabilità. Gli strapagati burocrati europei responsabili di questo enorme fallimento devono pagare gli errori madornali che hanno commesso e non possono rimanere un minuto in più al loro posto”. Ha detto Meloni.

La UE a caccia di soluzioni alla crisi dei vaccini.

Intanto la UE prova a correre ai ripari. Sono stati infatti approvati nuovi siti per la produzione di vaccini da Oxford / AstraZeneca, BioNTech / Pfizer e Moderna, ha annunciato venerdì l' Agenzia europea per i medicinali .Il più attentamente monitorato di queste strutture è il sito Halix nei Paesi Bassi, che produceva il principio attivo per il vaccino Oxford / AstraZeneca per il Regno Unito ma non aveva ancora ottenuto l'approvazione dal regolatore dell'UE. L'approvazione da parte del comitato per i medicinali per uso umano dell'EMA significa che l'UE ha ora quattro siti che producono il principio attivo per il jab. 

Commentando l'approvazione, il commissario per la salute Stella Kyriakides ha affermato che si prevede che i vaccini prodotti a Halix saranno consegnati ai paesi dell'UE "nei prossimi giorni".  "Alcuni dei nostri Stati membri sono stati gravemente colpiti dalla deludente riduzione delle consegne di vaccini AstraZeneca", ha aggiunto. “Le campagne di vaccinazione nazionali si basavano sulle consegne che avevamo concordato con tutte le aziende per proteggere i loro cittadini. Se non fosse stato per le consegne insufficienti da AstraZeneca, i tassi di vaccinazione dell'UE avrebbero potuto essere quasi il doppio ".

Anche un altro sito di produzione per il vaccino BioNTech / Pfizer, a Marburg, in Germania, ha ricevuto l'autorizzazione. L'impianto produrrà sia la sostanza attiva che il prodotto finito. Inoltre, il comitato ha dato il via libera al trasporto e alla conservazione del vaccino BioNTech / Pfizer per due settimane a una temperatura compresa tra -25 e -15 ° C invece che tra -90 e -60 ° C. A febbraio, BioNTech e Pfizer hanno affermato che i nuovi dati indicavano che il vaccino era stabile a quelle temperature più elevate . 

L'EMA ha affermato che la misura "faciliterebbe la rapida introduzione e distribuzione del vaccino nell'UE riducendo la necessità di condizioni di conservazione a temperature estremamente basse lungo tutta la catena di approvvigionamento".  Inoltre, il vaccino di Moderna sarà prodotto da un altro sito di produzione, con l'approvazione anche di nuove linee di produzione a Visp, in Svizzera.

L'ipotesi della procedura di licenza obbligatoria

Ma ci sarebbe anche un’altra soluzione, come illustrato su Politico.eu dal primo ministro polacco Mateusz Morawiecki.

“Negli ultimi giorni, i funzionari europei si sono impegnati a fare il possibile per accelerare la produzione e la distribuzione dei vaccini COVID-19 , dichiarando che tutte le opzioni sono sul tavolo. “ Scrive Morawiecki. “Questa crescente determinazione da parte della Commissione europea a far rispettare i contratti con le aziende farmaceutiche è un buon segno – continua - soprattutto perché gran parte del continente affronta la probabilità di una terza ondata di coronavirus. 

Ma non è abbastanza. È tempo di sostituire le parole forti con azioni forti. Dobbiamo mettere sul tavolo soluzioni più efficaci. 

L'UE dovrebbe concentrarsi su due principali linee d'azione. In primo luogo, dovrebbe subordinare l'autorizzazione all'esportazione di vaccini prodotti nei paesi dell'UE dal rispetto dei propri impegni da parte dei produttori di vaccini. In secondo luogo, dovrebbe ricorrere alla procedura di licenza obbligatoria. Ciò consente ai governi di concedere alle aziende il diritto di produrre un prodotto brevettato senza il consenso del proprietario del brevetto.  

La prima soluzione consentirà alla Commissione Europea di dare esecuzione ai contratti che ha concluso con le aziende farmaceutiche.  La logistica della distribuzione dei vaccini - dove vengono spediti i vaccini, a quale ritmo e in quale ordine - non dovrebbe essere determinata dagli interessi delle aziende o dei loro azionisti, ma da una legislazione severa. È inaccettabile mettere profitto sulla salute e sulla vita umana durante una pandemia. L'UE ha negoziato questi accordi e quindi deve eseguirli. 

La seconda misura, per utilizzare la licenza obbligatoria, fornisce ai paesi dell'UE una base giuridica per acquistare brevetti dalle aziende e aumentare la capacità di produzione consentendo ad altri produttori di contribuire allo sforzo.  Questa è una misura ragionevole e necessaria. Dopotutto, lo sviluppo dei vaccini contro il coronavirus non è venuto dal nulla: sono il risultato della ricerca scientifica alimentata da enormi sussidi e investimenti pubblici. In quanto tali, questi vaccini sono un bene pubblico, non di proprietà esclusiva di nessuna azienda. 

La legge prevede due condizioni importanti per l'uso di questa misura: deve essere richiesta dall'interesse pubblico (in questo caso, la protezione della vita e della salute pubblica) e deve essere altrimenti impossibile utilizzare il prodotto brevettato o l'invenzione. Entrambe queste condizioni sono soddisfatte oggi.  I vaccini sono le nostre armi più potenti per sconfiggere la pandemia di coronavirus. Dobbiamo utilizzare tutti gli strumenti legali disponibili per garantire che siano impiegati nel modo più efficace possibile. 

Solo se agiamo insieme ora e in solidarietà possiamo respingere con successo il virus, dimostrare che siamo uniti e fornire vaccini a tutti gli europei. “