Email Facebook Twitter LinkedIn
×ECR Party
The Conservative
ECR Party
TheConservative.onlineTwitterFacebookInstagramYouTubeEmailECR Party’s multilingual hub for Centre-Right ideas and commentary
ItalianItalianEnglishBulgarianCroatianCzechMacedonianPolishRomanianSpanishSwedish
The Conservative
Notizie & Commenti   |    TV   |    Print   |    Giornalisti

Università del Regno Unito ostaggio di Pechino? Dalla Cina finanziamenti per oltre 40 milioni di sterline.

Il China Research Group dei parlamentari Tory ha riferito che le principali università del Regno Unito hanno accettato almeno 40 milioni di sterline in sovvenzioni di ricerca da aziende legate al Partito Comunista Cinese (PCC) dal 2015....

Il gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei e altre aziende di proprietà o collegate al partito comunista hanno fornito a venti università britanniche decine di milioni di finanziamenti per progetti di ricerca, secondo un rapporto condotto da deputati conservatori. Il China Research Group dei parlamentari Tory ha riferito che le principali università del Regno Unito hanno accettato almeno 40 milioni di sterline in sovvenzioni di ricerca da aziende legate al Partito Comunista Cinese (PCC) dal 2015.

I risultati, che sono stati pubblicati su The Telegraph, hanno rivelato che l'Imperial College di Londra ha ricevuto tra 3,5 e 14,5 milioni di sterline dalla telecom cinese Huawei, che il governo britannico ha bandito dalla rete 5G del Regno Unito per problemi di sicurezza. Il denaro cinese è stato incanalato in progetti di ingegneria e apprendimento automatico condotti all'Imperial College, che è salito all'attenzione internazionale l'anno scorso per le sue proiezioni di morte apocalittiche sul virus di Wuhan.

Dal 2016, l'università ha anche ricevuto almeno 10 milioni di sterline dalla Sinopec, la società petrolifera e chimica del governo cinese, così come almeno 6,5 milioni di sterline dalla società statale di difesa e aerospaziale Aviation Industry Corporation of China (AVIC). Il rapporto ha detto che Huawei ha concesso 1,1 milioni di sterline alla Lancaster University per sostenere la ricerca sull'apprendimento automatico, il calcolo e i semiconduttori, così come 890.000 sterline alla York University per progetti attualmente sconosciuti.

Gli scienziati di almeno trentatré università del Regno Unito hanno lavorato con i ricercatori militari cinesi sullo sviluppo di armi nucleari, secondo un'altra indagine.

Il gruppo di parlamentari Tory ha detto che le università di Bristol, Exeter e Heriot-Watt si sono rifiutate di soddisfare la loro richiesta del Freedom of Information Act (FOI) e l'università di Southampton ha affermato che la richiesta avrebbe richiesto più di 18 ore per essere soddisfatta, che è oltre la soglia di necessità per soddisfare una richiesta FOI.

Il China Research Group ha detto che la vera cifra del finanziamento cinese sarà probabilmente più alta dei 40 milioni di sterline che hanno scoperto.

Parlando ai microfoni del giornale conservatore Breitbart Londra, il presidente e fondatore di Hong Kong Watch Benedict Rogers ha detto: "La notizia che così tante importanti università britanniche hanno ricevuto finanziamenti significativi da aziende legate al regime del Partito Comunista Cinese è profondamente preoccupante.”

"Ci dovrebbe essere un'indagine completa sul rapporto del settore dell'istruzione superiore con la Cina. Non possiamo permetterci di compromettere la libertà accademica e la libertà di espressione nei campus, e c'è come minimo il pericolo che ricevere finanziamenti significativi da imprese legate al PCC trasformi le nostre università in ostaggi per Pechino".

L'Imperial College di Londra è stato anche accusato di avere "quattro centri di ricerca sponsorizzati dai principali fornitori di armi cinesi" in cui hanno lavorato con imprese cinesi legate ai militari per sviluppare tecnologie di armi per Pechino, compresa la tecnologia stealth next-gen per i jet da combattimento, secondo un rapporto del think tank Civitas di febbraio.

Per quanto riguarda l'ultimo rapporto, un portavoce di Imperial ha detto: "Non permettiamo ai finanziatori di interferire nella nostra ricerca, che è indipendente, aperta e trasparente. Abbiamo misure robuste in atto per garantire l'indipendenza accademica".

Huawei ha costantemente negato di essere controllata dal PCC, tuttavia, numerosi rapporti hanno indicato che l'azienda è "effettivamente di proprietà dello Stato". Il gigante delle telecomunicazioni è diventato enormemente controverso in Gran Bretagna nell'ultimo anno, con la pressione dell'amministrazione Trump che ha portato il primo ministro Boris Johnson a fare marcia indietro sul suo sostegno al coinvolgimento di Huawei nelle reti 5G del Regno Unito.

Un portavoce di Huawei ha detto: "Siamo incredibilmente orgogliosi delle nostre partnership con le università britanniche che danno un contributo significativo all'economia, alla migliore connettività e alla lotta contro il cambiamento climatico".

I rappresentanti delle università di Lancaster, York e Southampton hanno anche negato che il denaro cinese abbia avuto un'influenza indebita sulla loro integrità accademica.

Le università del Regno Unito sono sempre più sotto critica per i loro legami con la dittatura di Pechino, con l'MI6 che ha riferito di aver indagato "alcune delle università più prestigiose del paese" per aver potenzialmente violato le leggi sulla sicurezza nazionale attraverso il loro lavoro con gli sviluppatori di armi cinesi.

Il leader del China Research Group, il deputato conservatore Tom Tugendhat ha detto: "Inseguire il denaro intorno alle università britanniche è rivelatore di connessioni e legami che saranno visti da alcuni come compromissione dell'indipendenza accademica".

Imparentato

Svět

Do pěti let bude válka s Čínou

Ondřej Šmigol 31.05.2021.

Pandemic Resilience Index 2021

UAE and Israel’s COVID success: lessons for the EU

Maria Chaplia 26 May 2021

Svět

Do pěti let bude válka s Čínou

Ondřej Šmigol 31.05.2021.

Pandemic Resilience Index 2021

UAE and Israel’s COVID success: lessons for the EU

Maria Chaplia 26 May 2021